Back to top

Consumo energetico distributori automatici: cosa c’è da sapere

JMomo 13 Febbraio 2024 0 comments

A chi spetta pagare per il consumo energetico distributori automatici? Tendenzialmente sono a carico dell’ente, dell’azienda o della società di varia natura che ospita le macchine con bevande e cibi caldi, sigarette, sigarette elettroniche e liquido relativo, e molto altro ancora. Questo, ovviamente, salvo accordi diversi tra enti che prevedono il noleggio o l’acquisto delle vendor machines e i fornitori. È difficile stabilire a quanto può ammontare il consumo energetico distributori automatici

La spesa finale dipende da alcuni fattori tra cui: 

– le dimensioni del distributore (di solito, più è grande l’apparecchio, più consuma);

– il tipo di prodotti forniti: quelli che devono essere riscaldati o tenuti a basse temperature consumano di più;

– la tecnologia e le modalità di funzionamento: quelli di ultima generazione sono più efficienti a livello energetico, quindi consumano di meno. 

Consumo di energia distributore automatico e vantaggi 

Negli ultimi tempi, con l’inflazione, i conflitti a livello internazionale e il caro-vita, le bollette della luce sono aumentate. Chi si trova a dover gestire un negozio o un’attività aperta h24 deve mettere in conto questi aspetti e valutare il possibile consumo energetico distributori automatici. C’è da dire, però, che le macchine di nuova generazione rendono possibile risparmiare sui costi delle utenze, quindi, a parità dei fattori indicati nel precedente paragrafo, con gli elementi favorevoli il consumo di energia di un distributore automatico non ha un’eccessiva ricaduta sulle spese mensili. 

Le macchine più all’avanguardia sono i distributori automatici ad energia fotovoltaica in Italia: a fronte di un investimento importante iniziale, queste apparecchiature consentono di ridurre le spese e l’impatto ambientale. Anche i distributori automatici alimentati con energia solare, oltre a quelli più tradizionali, possono essere installati in negozi e centri commerciali, così come nei posti dove c’è un flusso costante di persone, come anche stazioni ferroviarie, di bus e aeroporti, scuole, università, aziende, stadi, cinema, teatri, aree di transito di vario genere. 

J-MOMO è la startup che ha sviluppato ristoranti e markets completamente automatizzati, che possono essere installati in aziende, uffici, complessi residenziali, indoor e outdoor ed ovunque vi sia una presa di corrente. 

I distributori automatici J-MOMO possono erogare oggetti tra i più disparati con sistemi che si adattano perfettamente ad ogni tipo di prodotto che sia food o non food. Completamente configurabili e con una semplicità estrema di gestione per coadiuvare il venditore in tutte le sue scelte.  software gestionali anche da remoto per vending machines.

Il brand, con sede a Napoli, progetta anche spazi con le sue vending machines ideali per dipendenti aziendali, frequentatori di palestre o altri posti pubblici e persone per strada che possono acquistare i prodotti che preferiscono senza dover andare al supermercato o in una mensa interna e attendere in coda e senza dover aspettare la consegna di un servizio di delivery o per acquistare sigarette, classiche ed elettroniche e i liquidi di queste ultime. 

J-MOMO realizza l’intero layout fornendo le varie macchine, con prodotti di marchi storici e rinomati. Il brand si occupa anche di altri distributori automatici provvisti di pasti caldi, farmaci, sigarette, libri, giornali, caffè, bevande calde e molto altro. 

Sei interessata/o a sapere di più sul consumo di energia di un distributore automatico e vorresti installare una vending machine anche presso la tua attività o impresa? 

Per informazioni, preventivi e assistenza contatta lo staff di J-MOMO

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *